Lanzarote

Lanzarote, l’isola dei vulcani, si trova a 130 km dalla costa africana e nel 1993 è stata nominata Riserva della Biosfera dall’UNESCO. Le principali località sulla costa sono Puerto del Carmen, Costa Teguise, Arrecife e Playa Blanca, mentre all’interno Teguise, San Bartolome, Haria e Yaiza.

COME ARRIVARE
L’aeroporto di Lanzarote si trova tra Puerto del Carmen e Playa Honda. Qui atterrano sia i voli internazionali che quelli interni della Binter Canarias.  L’autobus (lo chiamano guagua) numero 22 (oppure numero 23 il sabato, domenica e festivi) collega l’aeroporto con Arrecife (intercambiador de guaguas), da dove è possibile proseguire in autobus per tutte le altre destinazioni dell’isola. Le compagnie marittime Naviera Armas e Fred Olsen collegano Playa Blanca con Corralejo-Fuerteventura, mentre da Arrecife partono le navi per Gran Canaria, Tenerife, La Palma, La Gomera ed El Hierro.

COSA VEDERE
Come per Fuerteventura, anche a Lanzarote abbiamo noleggiato la macchina e abbiamo fatto il giro di tutta l’isola in una giornata. Da Puerto del Carmen siamo partiti subito verso il nord fermandoci a vedere la casa Fondazione Cesare Manrique (ingresso 8€), il Jardin de Cactus inaugurato nel 1990, Jameos del Agua un lago naturale collegato al mare e popolato dagli jameitos (un granchietto albino e cieco), la Cueva de los Verdes, una grotta all’interno del tunnel vulcanico di 6km (uno dei più lunghi al mondo), e il Mirador del Rìo che si trova a 475m dal mare nella parte settentrionale dell’isola. Dal mirador è possibile ammirare le sottostanti Salinas del Rio e la vicina isola La Graciosa che si può raggiungere via mare da Orzola. Tutte queste opere sono state create/elaborate dall’architetto César Manrique, il personaggio più famoso dell’isola.

Dopo la sosta al mirador abbiamo proseguito nell’entroterra dell’isola, dirigendoci verso sud. Lungo il tragitto c’è la valle delle mille palme di Haria, il Monumento al Campesino e in fine la Montañas del Fuego o Parco Nazionale di Timanfaya dove è d’obbligo fare un tour in autobus per ammirare i pittoreschi paesaggi vulcanici.

Dopo l’indimenticabile visita guidata alla scoperta del vulcano abbiamo proseguito verso la costa sudoccidentale per ammirare le scogliere di Los Hervideros, El Golfo con il Lago de los Clicos di colore verde e le colorate Salinas de Janubio. Prima di ritornare a Puerto del Carmen abbiamo svoltato verso La Geria, la zona dove si produce l’ottima malvasia. La particolarità di queste viti è che crescono su terra lavica e sono tutte circondate da muretti semicircolari.

SHOPPING
A Puerto del Carmen, in Avenida Juan Carlos I n. 15, c’è il grande centro commerciale Biosfera Plaza.

DOVE MANGIARE
Restaurante Caballito de mar si trova a Puerto del Carmen, sulla via pedonale che circonda la spiaggia di Matagorda. Tra i troppi locali dedicati ai turisti anglosassoni e quelli con cucina internazionale, abbiamo fatto fatica a trovarne uno che proponesse piatti tipici dell’isola. Consigliamo di assaggiare un misto di tapas, tra cui peperoni fritti (Pimientos de Padron), cozze (Mejillones) e patate con mojo (Papas arrugadas). I gestori del locale sono molto simpatici e probabilmente vi faranno concludere la cena con un bicchierino di vodka al caramello. Il ristorante non è grandissimo ma offre la possibilità di cenare sia all’interno che all’esterno.

El Diablo è il posto ideale per chi vuole mangiare qualcosa di particolare. Il ristorante si trova all’interno del Parco Nazionale di Timanfaya e i cibi vengono cucinati su una griglia che sfrutta direttamente il calore del vulcano. Il locale è aperto solo dalle 13 alle 15.

La Era è noto per essere uno dei migliori ristoranti tradizionali dell’isola, ma purtroppo quando ci siamo andati noi era chiuso. Il locale si trova a Yaiza in via Trasera del Ayuntamiento.

DOVE DORMIRE
Costa Sal Apartments si trova a Puerto del Carmen, a due passi dalla spiaggia di Matagorda (quindi un po’ fuori dal centro turistico), ma è comodo per chi ha il volo la mattina presto in quanto in taxi ci si arriva in 5 minuti e il tragitto costa 10€ circa. I nuovi appartamenti luxury sono veramente moderni e corrispondono pienamente alle foto pubblicate sul sito internet. L’appartamento è composto da una camera matrimoniale con spazioso armadio e cassaforte, un ampio bagno con doccia e asciugacapelli, zona giorno con una bella cucina, comodi divani e tv satellitare (gratuito). A completare il tutto una bella terrazza con vista piscina. Il collegamento internet wi-fi costa 3€ al giorno. La piscina dell’hotel è carina, l’acqua non è eccessivamente fredda come in altri alberghi e i lettini sono a disposizione degli ospiti senza costi aggiuntivi. Al piano inferiore c’è anche un piccolo minimarket, mentre uno più grande si trova a 10 minuti a piedi, come anche il noleggio auto e i negozi di souvenir. La cucina dell’hotel e l’animazione sono pensate per i turisti inglesi, quindi consigliamo di prenotare solo la camera. Su Booking. com abbiamo prenotato un appartamento per 3 notti per 180€.


LINK UTILI
Ufficio turistico di Lanzarote
Ente turistico delle Isole Canarie
Ente turistico spagnolo
La guida di PepePhelipe
Lonely Planet (in inglese)
Lanzarote guide book (in inglese)
Meteo di Lanzarote
Lingue online risorse gratuite per imparare lo spagnolo

Il viaggio prosegue sull’isola di Fuerteventura

Info I giramondo
A causa di una spiccata curiosità siamo perennemente in viaggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: