Dubai

Dato che il volo per Singapore prevedeva un cambio di aereo a Dubai abbiamo colto la palla al balzo concedendoci 2 notti nel più famoso emirato della penisola arabica. Nei mesi estivi regna un caldo veramente soffocante e per questo motivo si preferisce visitare queste zone nei mesi invernali, ma in compenso in estate i prezzi degli alberghi sono più bassi. Potevamo non approfittarne?

Come arrivare:
La compagnia di bandiera Emirates ha la sua base presso l’aeroporto internazionale di Dubai e oltre a voli diretti da Venezia, Milano e Roma, propone collegamenti con altre 120 destinazioni in tutto il mondo. Da Venezia sono circa 6 ore di volo. L’aeroporto si trova nella parte orientale della città e vanta il più grande terminal del mondo, il T3. Per entrare negli Emirati Arabi Uniti è richiesto il passaporto con validità residua di almeno 6 mesi e all’ingresso nel paese viene posto il timbro visit Visa che permette di rimanere a Dubai per 30 giorni.

Come muoversi:
A Dubai è impensabile potersi muovere a piedi sia per il caldo che per le distanze chilometriche tra un’attrazione turistica e l’altra. Tutti i servizi di trasporto pubblico vengono gestiti dalla RTA. Gli spostamenti in taxi sono abbastanza economici: la tariffa minima alla partenza è di 10AED (dall’aeroporto sono 20AED) e poi 1.60AED per ogni km. La metro monorail viaggia in superficie ed è operativa dalle 5.50 a mezzanotte (venerdì dalle 13 alle 01). La linea rossa monorail costeggia la Sheikh Zayed road e quindi passa proprio in mezzo agli imponenti palazzi del centro, regalando una bella vista soprattutto se si è nel primo vagone. I turisti possono acquistare per 4 AED la Nol Red card con credito di 2 AED. Ci sono 4 tariffe per i viaggi in metro: T0 per i viaggi a meno di 3 km a 2 AED (0,45€), T1 per le tratte nella stessa zona a 2.50 AED (0,55€), T2 per i viaggi con partenza in una zona e arrivo nella zona vicina a 4.50 AED (1€), T3 per i viaggi oltre a due zone a 6.50 AED (1,40€), biglietto giornaliero 14 AED (3€). Queste tariffe valgono per la Regular class mentre la Gold class con vista panoramica costa il doppio.

Per attraversare il Creek si usano le tipiche imbarcazioni chiamate Abra che collegano il quartiere di Deira con il Bur Dubai al costo di 1 AED a persona.

Per i turisti c’è anche il solito itinerario in autobus del Big bus tour. Il prezzo per il tour diurno 24 ore è di 60$, per 48 ore è di 80$, mentre il tour notturno di 2 ore costa 34$.

Cosa vedere:
Lo Sheikh Mohammed Centre for Cultural Understanding è un ottimo modo per iniziare a comprendere la città e i suoi abitanti. Il Centro propone diverse attività tra cui una tipica colazione araba a 60AED (lunedì e mercoledì alle 10), un pranzo a base di piatti locali servito in una caratteristica casa del quartiere delle torri del vento di Bastakiya a 70AED a persona (domenica e martedì alle 13 previo prenotazione), un tour nella Bastakiya ovvero il quartiere storico della città dove si possono ancora ammirare le torri del vento (l’antenato del condizionatore) 55AED per 90 minuti oppure 35AED per 1 ora. Noi abbiamo deciso di aderire alla visita guidata alla moschea di Jumeirah, l’unica moschea della città in cui possono accedere anche turisti non mussulmani. La visita in inglese dura 75 minuti e viene eseguita da una simpaticissima guida che spiega in modo semplice e convincente le basi dell’islam e risponde ben volentieri alle domande e alle curiosità dei presenti. Per visitare la moschea non occorre prenotare, ma basta presentarsi sul posto di martedì, giovedì, sabato o domenica alle 9.45; l’ingresso costa 10 AED. Si consiglia di vestire camicie e pantaloni lunghi e una copricapo per le donne, ma in caso di abbigliamento inadeguato all’ingresso vengono forniti dei coprivestiti e il velo.

A Dubai s’innalza il grattacielo più alto del mondo: il Burj Khalifa con un’altezza di 828 m. In meno di un minuto un velocissimo ascensore porta sulla terrazza panoramica At the top al 124° piano, dove si ha una favolosa vista a 360° sulla città. Prenotare in anticipo online è quasi d’obbligo visto che si paga solo 100 AED al posto di 400 AED richiesti alla biglietteria in loco. Secondo noi conviene salire in cima un po’ prima del tramonto in modo da riuscire a fotografare la città da tutti i lati (cosa difficile quando il sole è alto). L’entrata al Burj Khalifa si trova all’interno dell’enorme centro commerciale The Dubai Mall, mentre ai piedi del grattacielo c’è una grande fontana che la sera, tra le 18 e le 23, propone un breve ma vivace spettacolo di giochi d’acqua, luci e suoni.

Oltre al Burj Khalifa ci sono numerosi altri palazzi che attirano l’attenzione dei turisti, come il noto albergo a 7 stelle Burj Al-Arab, le Emirates Towers, la National Bank of Dubai, l’enorme centro commerciale Mall fo the Emirates, il World Trade Centre etc.

Come si può immaginare a Dubai c’è di tutto di più e si ha solo l’imbarazzo della scelta. Un grande acquario e una pista di pattinaggio su ghiaccio si trovano nel centro commerciale The Mall, mentre presso l’albergo Atlantis (sull’isola artificiale di Palm Jumeirah, una delle tre Palm Islands) c’è l’acquario Lost Chambers, l’Aquaventure Water Park e la Dolphin Bay per chi volesse nuotare con i delfini. Per provare l’ebbrezza del volo umano c’è il centro iFly oppure lo skydive, il regno dei giochi invece si trova nel Sega Republik, mentre per fare una sciata nonostante il caldo desertico si va allo Ski Dubai presso il Mall of Emirates. Tra le altre attrazioni turistiche ci sono anche il Wild Wadi Water Park (di fronte al Burj Al Arab), il Dune Buggy Adventure per guidare sulle dune del deserto, il Dubai Autodrome per gli appassionati di macchine, il Dubai Global Village per tutta la famiglia e tanto altro ancora. Per tutte queste attrazioni vi consigliamo di leggere i commenti di chi le ha provate su Tripadvisor in modo da non rimanere delusi dall’esperienza oppure dai prezzi che sono spesso un po’ troppo elevati.

Il fiume Creek divide le due città: a nord del ponte Maktoum sono ormeggiati i tipici dhow in legno, a scendere verso il mare si incontrano il piccolo Dubai Museum (ingresso 3 aed) e il Sheikh Mohammed Centre for Cultural Understanding, mentre dall’altra parte del fiume ci sono i famosi souk.

Shopping:
A Dubai si fa shopping o nei caratteristici mercati locali chiamati souk oppure negli enormi centri commerciali che abbondano in tutta la città. Il souk più famoso è sicuramente quello dell’Oro che si trova a Deira nelle strade intorno a Sikkat Al-Khail road ed è aperto da sabato a giovedì dalle 10 alle 20, mentre il venerdì dalle 16 alle 20.

I principali centri commerciali sono il Mall of the Emirates con lo Ski Dubai dove si può sciare tutto l’anno, il pittoresco Ibn Battuta Mall diviso in 6 aree (Cina, India, Persia, Egitto, Tunisia e Andalusia) e l’enorme The Dubai Mall attaccato Burj Khalifa. Essendo capitati a Dubai in un periodo con temperatura che si aggirano sui 45°C non siamo riusciti a stare all’aperto per più di qualche minuto e ci siamo visti costretti a rinchiuderci in un centro commerciale. Abbiamo optato per il The Dubai Mall, ovvero il centro commerciale più grande del mondo con 4 piani e 1.200 negozi, un ampio souk dell’oro, un cinema multisala con 22 schermi, una pista per pattinaggio su ghiaccio, un acquario, una vasta zona ristorazione e accesso gratuito alla rete wi fi previo registrazione. Al piano terra del Dubai Mall c’è l’ingresso per il grattacielo Burj Khalifa e la fontana con spettacolo serale di luci e suoni.

Dove mangiare:
All’interno del centro commerciale The Dubai Mall c’è un’ampia e variegata scelta di ristorantini e fast-food sia internazionali che mediorientali. Noi abbiamo optato per la cucina libanese del Karam Express con dell’ottimo hummus (crema di ceci), baba ganoush (crema di melanzane), pollo e bibite per un totale di 61 aed (visto i prezzi di Dubai è più che economico).

Se siete in cerca di un buon ristorante date un’occhiata al sito Time Out Dubai dove c’è una suggestiva e aggiornata selezione di locali della città per tutte le tasche.

Dove dormire:
Landmark Grand Hotel**** si trova nel quartiere di Deira, non lontano dall’aeroporto. In realtà avevamo prenotato una camera standard al Landmark Riqqa ma appena arrivati all’hotel ci hanno informati che ci avevano fatto l’upgrade gratuito per una junior suite nel loro nuovo albergo. La camera era molto spaziosa con un letto comodissimo, aria condizionata e tv, una piccola zona salotto con divano, tavolino, frigobar, scrivania, tv e cassaforte, e un bagno moderno con vasca. La colazione a buffet era veramente abbondante e variegata. L’albergo dispone anche di una piscina e sauna, connessione wi-fi a 10 AED all’ora oppure a 100 AED per 24 ore. Una camera matrimoniale per 2 notti con colazione costa 480 AED più 10% tassa di soggiorno e 10% costi di servizio, per un totale di 576 AED (125€). L’hotel si trova vicino alla fermata della metro rossa e verde in Union Square, mentre il taxi da/per l’aeroporto costa dai 20 ai 40 AED.

Siti utili:
Ufficio turistico di Dubai (in italiano)
Dubai calendar per scoprire gli eventi e le manifestazioni
Dubai su Lonely Planet
Dubai su Time Out (in inglese)
Dubai su Travel DK (in inglese)
Dubai su Wikipedia
Lingue online risorse gratuite per imparare l’arabo

Info I giramondo
A causa di una spiccata curiosità siamo perennemente in viaggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: