Aforismi

Strana questa cosa dei viaggi, una volta che cominci è difficile fermarsi.
È come essere alcolizzati.
Ho veramente voglia di partire. (Gore Vidal, La statua di sale)

I viaggi danno una grande apertura mentale: si esce dal cerchio dei pregiudizi del proprio Paese e non si è disposti a farsi carico di quelli stranieri. (Charles de Montesquieu)

Ma i veri viaggiatori partono per partire e basta: cuori lievi, simili a palloncini che solo il caso muove eternamente, dicono sempre “Andiamo”, e non sanno perché. I loro desideri hanno le forme delle nuvole. (Charles Baudelaire, I fiori del male)

Sono figlio del cammino, la carovana è la mia casa e la mia vita è la più sorprendente avventura. (Amin Maaluf, Leone l’Africano)

Viaggiare deve comportare il sacrificio di un programma ordinario a favore del caso, la rinuncia del quotidiano per lo straordinario, deve essere strutturazione assolutamente personale alle nostre convinzioni. (Herman Hesse)

Le nostre valigie erano di nuovo ammucchiate sul marciapiede; avevamo molta strada da fare. Ma non importava, la strada è la vita. (Jack Kerouac)

Tra vent’anni sarete più delusi per le cose che non avete fatto che per quelle che avete fatto. Quindi mollate le cime. Allontanatevi dal porto sicuro. Prendete con le vostre vele i venti. Esplorate. Sognate. Scoprite. (Mark Twain)

Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi. (Marcel Proust)

La strada del ritorno ha sempre qualcosa di malinconico. Una leggera tristezza. (Banana Yoshimoto)

Tutto il pathos e tutta l’ironia del lasciarsi la giovinezza alle spalle è implicito in ogni momento di felicità di un viaggio; ci si rende conto che non si possono riavere le prime gioie, e il viaggiatore, quello saggio, impara a non cercare di ripetere i successi ma a trovarne altri in nuovi luoghi. (Paul Fussell)

La vita è ciò che facciamo di essa. I viaggi sono i viaggiatori. Ciò che vediamo non è ciò che vediamo, ma ciò che siamo. (Fernando Pessoa, Il libro dell’inquietudine)

Il viaggio è una porta attraverso la quale si esce dalla realtà nota e si entra in un’altra realtà inesplorata, che somiglia al sogno. (Guy de Maupassant)

Scopo del viaggiare è disciplinare l’immaginazione per mezzo della realtà e, invece di pensare come potrebbero essere le cose, vedere come sono in realtà. (Samuel Johnson)

Tra viaggiatori succede, ci si raccontano cose anche intime, tanto non ci si rivedrà mai più. Il paesaggio che scorre lateralmente offre loro un nastro su cui incidere le loro voci narranti, e lo scompartimento crea la necessaria cassa di risonanza, lo spazio chiuso perfetto, quasi un sito dove chiudersi filtrando solo ciò che interessa della realtà. (Paolo Rumiz, È oriente)

All’orizzonte di quell’oceano ci sarebbe stata sempre un’altra isola, per ripararsi durante un tifone, o per riposarsi e amare. Quell’orizzonte aperto sarebbe stato sempre lì, un invito ad andare. (Hugo Pratt, Una ballata del mare salato)

Non smetteremo di esplorare. E alla fine di tutto il nostro andare ritorneremo al punto di partenza per conoscerlo per la prima volta. (Thomas Stearns Eliot, Quattro quartetti)

Ogni volta che facciamo una fotografia, lasciamo un seme nel terreno della storia. A volte, questi semi, diventano alberi. (Giovanni Mereghetti, fotografo)

Partire é la più bella e coraggiosa di tutte le azioni. Una gioia egoistica forse, ma una gioia, per colui che sa dare valore alla libertà. Essere soli, senza bisogni, sconosciuti, stranieri e tuttavia sentirsi a casa ovunque, e partire alla conquista del mondo. (Isabelle Eberhardt)

Si può partire per qualsiasi storia, scegliendo il proprio tempo, anche qando sembra scaduto. E si può scegliere una strada battuta senza timore di disturbare la nostalgia di tanti. Liberi di andare e sostare, deviare e tornare indietro, magari ricominciando daccapo ogni giorno.
Perché alla fine la strada è di tutti. Basta condividerla. (Cesare Fiumi, La strada è di tutti)

Il viaggio non soltanto allarga la mente: le dà forma. (Bruce Chatwin, Anatomia dell’irrequietezza)

La nostra meta non è mai un luogo, ma un nuovo modo di vedere le cose. (Henry Miller)

Il viaggiatore viaggia solo e non lo fa per tornare contento, lui viaggia perché di mestiere ha scelto il mestiere di vento. (Mercanti di Liquore, Il viaggiatore)

Il mondo è un libro, e quelli che non viaggiano ne leggono solo una pagina. (Sant’Agostino)

Chi torna da un viaggio non è mai la stessa persona che è partita. (proverbio cinese)

Un viaggiatore prudente non disprezza mai il suo paese. (Carlo Goldoni, Pamela Nubile)

Fate che il vostro spirito avventuroso vi porti sempre ad andare avanti per scoprire il mondo che vi circonda con le sue stranezze e le sue meraviglie. (Kahlil Gibran)

Il viaggio deve allinearsi con le più severe forme di ricerca. Certo ci sono altri modi per fare la conoscenza del mondo. Ma il viaggiatore è uno schiavo dei propri sensi; la sua presa su un fatto può essere completa solamente quando è rafforzata dalla prova sensoriale; egli può conoscere davvero il mondo soltanto quando lo vede, lo sente e lo annusa. (Lord Byron)

Non mi dire quanto sei educato e colto, dimmi quanto hai viaggiato. (Maometto)

Se vuoi essere migliore di noi, caro amico, viaggia. (Johann Wolfgang Goethe)

Chi visita paesi stranieri, ma frequenta solo i suoi connazionali, cambia clima ma non abitudini. Vede nuovi meridiani, ma gli stessi uomini e, con la testa vuota come le tasche, torna a casa dopo aver viaggiato con il corpo, ma essendo rimasto fermo con la mente. (Charles Caleb Colton, Lacon)

Il viaggiatore vede quello che vede, il turista vede quello che è venuto a vedere. (Gilbert Keith Chesterton)

Ho sempre pensato; quando sarò libero, senza vincoli, viaggerò. Ma non ho ricette per viaggiare. Inciampo spesso, dappertutto. Mi piace perdermi, faccio molte deviazioni. Spesso decido la destinazione strada facendo, oppure la cambio del tutto. Non si può fare esperienza di troppe cose viaggiando; penso sia meglio concentrarsi su poco, o anche nulla, non fare attenzione ai monumenti, ai musei, ma solo tenere gli occhi aperti e ascoltare. E non è così facile. (Peter Handke)

Il senso della ricerca sta nel cammino fatto e non nella meta; il fine del viaggiare è il viaggiare stesso e non l’arrivare. (Tiziano Terzani)

Per mio conto, io viaggio non per andare da qualche parte, ma per andare e basta. Viaggio per amore del viaggio. La cosa importante è spostarsi, sentire più da vicino i bisogni e i sobbalzi della vita; scendere da questo letto di piume che è la civiltà e trovarsi sotto i piedi il globo di granito, ricoperto di pietre taglienti. (Robert Louis Stevenson)

Viaggiatore, non c’è un sentiero. I sentieri si fanno camminando. (Antonio Machado, Cantores)

I turisti non sanno dove sono stati, i viaggiatori non sanno dove stanno andando. (Paul Theroux)

La funzione del viaggio è di regolare l’immaginazione sulla realtà e, invece di pensare a come le cose potrebbero essere, vederle come sono veramente. (Samuel Johnson)

Durante le ore in cui ci eravamo trattenuti in quella sacra regione la folla dei visitatori era notevolmente aumentata: dappertutto c’era gente che scattava fotografie. Gettavano via la loro memoria per affidarla a un’immagine prodotta tecnicamente. Rinunciavano ignari alla festa sconosciuta del pensiero. (Martin Heidegger)

Si viaggia per contemplare: ogni viaggio è una contemplazione in movimento. (Marguerite Yourcenar)

I viaggiatori sono quelli che lasciano le loro convinzioni a casa, i turisti no. (Pico Iyer)

Non so da dove derivi la vergogna di sentirsi un turista. Ho sentito molti amici, in pieno atteggiamento da turisti, dire che non vogliono confondersi con i turisti, non rendendosi conto che, anche se non si mescolano con loro, sono turisti quanto gli altri. Quando visito un luogo e non ho abbastanza tempo per conoscerlo se non superficialmente, assumo senza vergognarmene il mio ruolo da turista. Mi piace unirmi a quei viaggi lampo in cui le guide ti spiegano tutto ciò che vedi dal finestrino. “Alla vostra destra e alla vostra sinistra signore e signori…”. Una delle ragioni è che in questo modo conosco una volta per tutte tutto ciò che non dovrò preoccuparmi di vedere quando tornerò a esplorare quel posto per conto mio. (Gabriel Garcia Marquez)

Ogni posto è una miniera. Basta lasciarcisi andare, darsi tempo, stare seduti in una casa da tè ad osservare la gente che passa, mettersi in un angolo del mercato, andare a farsi i capelli e poi seguire il bandolo di una matassa che può cominciare con una parola, con un incontro, con l’amico di un amico di una persona che si è appena incontrata e il posto più scialbo, più insignificante della terra diventa uno specchio del mondo, una finestra sulla vita, un teatro di umanità dinanzi al quale ci si potrebbe fermare senza più il bisogno di andare altrove. La miniera è esattamente là dove si è: basta scavare. (Tiziano Terzani, Un indovino mi disse)

Chi vive vede molto, chi viaggia vede di più. (Proverbio arabo)

Chi beve l’acqua di una terra straniera deve seguirne gli usi e costumi. (Detto mongolo)

I viaggi sono la parte frivola della vita delle persone serie e la parte seria delle persone frivole. (Madame Anne Sophie Swetchine)

Non si parte per andare da nessuna parte senza aver prima di tutto sognato un posto. E vice versa, senza viaggiare prima o poi finiscono tutti i sogni, o si resta bloccati sempre nello stesso sogno. (Wim Wenders)

Viaggiare è una scuola di umiltà, fa toccare con mano i limiti della propria comprensione, la precarietà degli schemi e degli strumenti con cui una persona o una cultura presumono di capire o giudicano un’altra. (Claudio Magris, L’infinito viaggiare)

Arrivare fin quaggiù e arrivarci da solo, con le proprie gambe, è fare un viaggio fino alla perfiferia del rapporto con se stessi, è mettersi alla prova, è cercare, non scappare, ma andare fino in fondo a conoscere i propri fantasmi. (Jovanotti, Il Grande Boh!)

Chi non ha mai viaggiato è pieno di pregiudizi. (Carlo Godoni)

Ogni viaggio comincia con un vagheggiamento e si conclude con un invece. (Giorgio Manganelli, L’isola pianeta e altri settentrioni)

Il viaggio è un sentimento, non soltanto un fatto. (Mario Soldati, Un viaggio a Lourdes)

La felicita, che il lettore lo sappia, ha molte facce. Viaggiare, probabilmente, è una di queste. Affidi i fiori a chi sappia badarvi, e incominci. O ricominci. Nessun viaggio è definitivo. (José Saramago, Viaggio in Portogallo)

Quando viaggio sogno veramente molto. Forse questa è per me una delle ragioni principali per viaggiare. Ha qualcosa a che fare con strane stanze, rumori e odori inusuali, con le vibrazioni, col cibo, con le ansie legate al viaggio. (Paul Theraux)

Viaggiare! Perdere paesi!
Essere altro costantemente,
Non aver radici, per l’anima,
Da vivere soltanto di vedere.
Neanche a me appartenere!
Andare avanti, andare dietro
l’assenza di avere un fine,
e l’ansia di conseguirlo!
Viaggiare così è viaggio.
Ma lo faccio e non ho di mio
più del sogno del passaggio.
Il resto è solo terra e cielo.
(Fernando Pessoa)

Travelling is like flirting with life. It’s like saying, “I would stay and love you, but I have to go; this is my station.” (Lisa St. Aubin de Terán – Off the Rails)

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: