Amsterdam

Dopo Lussemburgo e Bruxelles il viaggio continua nella capitale olandese: Amsterdam. La città sicuramente rende di più in primavera-estate, ma dobbiamo dire che anche d’inverno non è male, soprattutto quando compare un raggio di sole.

COME ARRIVARE
Dall’aeroporto di Amsterdam Shiphol si può raggiungere il centro città in treno in soli 15 minuti. Per chi, come noi, arriva dalla capitale belga può partire da Bruxelles-Midi con i treni che raggiungono Amsterdam in meno di 2 ore (Thalys) o 3 ore (IC). I prezzi di sola andata variano dai 39€ ai 69€, ma prenotando online fino a qualche giorno prima della partenza si possono trovare i biglietti per l’IC a soli 19€ (attenzione: per ritirare i biglietti in stazione è necessario avere la carta di credito usata per il pagamento). Chi preferisce viaggiare in autobus può partire dalla stazione di Bruxelles Nord con la Eurolines e raggiungere Amsterdam in 3 ore e mezza circa, passando per Anversa, Rotterdam e L’Aia. Il costo del viaggio di sola andata è di 21€ (prenotando anche il ritorno costa meno). L’autobus non ferma alla stazione centrale di Amsterdam ma alla stazione Amstel. Noi abbiamo testato entrambi e c’è da dire che con il treno si viaggia più comodi e veloci, mentre con l’autobus si ha la possibilità di avere uno scorcio sulle città in cui fa tappa.

   

COME MUOVERSI
Avendo tempo a sufficienza si può raggiungere a piedi quasi tutte le attrazioni turistiche (sono poche quelle fuori dal centro). Nel centro di Amsterdam sono presenti gli autobus di 3 società di verse, quindi attenzione ai biglietti che sono diversi. I mezzi pubblici della GVB (4 linee della metropolitana, 16 linee di tram, 30 linee di autobus e 5 collegamenti di traghetto) sono operativi dalle 6 a mezzanotte e mezza e i prezzi si trovano su questo sito, mentre dalle 00:30 alle 7:30 ci sono gli autobus notturni (1 corsa 4€). Ricordatevi di timbrare il biglietto sia alla salita che alla discesa, altrimenti non potrete usarlo nella corsa successiva. Acquistando la I Amsterdam City Card il trasporto pubblico GVB è gratuito.
   

COSA VEDERE

Centro: piazza Dam è il cuore della città. Qui si erge l’obelisco (alto 22m) dedicato ai caduti della II Guerra mondiale, il palazzo reale Koniklijk Paleis (visitabile solo in estate), il museo delle cere Madame Tussauds e la chiesa Nieuwe Ker che spesso ospita esposizioni, mentre la vecchia chiesa Oude Ker si trova a 5 minuti a piedi, nel famoso quartiere a luci rosse, a due passi dal Niuew Markt.  Pur essendo abbastanza grandi le due chiese all’interno sono al quanto vuote e secondo noi non vale la pena spendere 15€ per vederle (a meno che non abbiate l’I Amsterdam City card che vi permette di visitarle gratuitamente).
Il Red Light District si trova a est della piazza Dam e oltre alle ben note vetrine con le luci rosse ospita anche l’Hash Marihuana and Hemp museum, la Chinatown, vari coffeshop (presenti in tutte le zone della città) e soprattutto numerosi ristoranti internazionali. Non pensate che sia tutto solo rosso perché negli ultimi anni hanno tentato di trasferire qui anche altri tipi di attività per non far cadere il quartiere nel degrado. In queste strade è vietato fotografare le vetrine con le ragazze.
Sulla via Damrak che collega piazza Dam con la stazione ferroviaria centrale ci sono la vecchia borsa Beurs van Berlage e il Sex Museum. A sud di piazza Dam e del quartiere rosso si possono visitare il Museo della storia di Amsterdam, il museo archeologico Allard Pierson Museum e il Museo delle Torture.
     

A ovest di piazza Dam si estende il quartiere Jordaan e intorno alla piazza Wester markt ci sono l’Homomonument dedicato alle vittime omosessuali della seconda guerra mondiale, la visitatissima casa in cui Anne Frank scrisse il suo diario e la chiesa Westerkerk. Sul canale Prinsengracht sono ormeggiate numerose case-imbarcazioni, tra cui anche la barca-museo Het Woonbootmuseum dov’è possibile scoprire in prima persona come si vive in una di queste case sull’acqua. Nella stessa zona ci sono le note 9 vie che sono la meta ideale per chi vuole comprare qualcosa di antiquariato, vintage, particolare etc. Qui c’è anche il museo di fotografia Huis Marseille.

   

Intorno al Rembrandtplein: A pochi passi dalla piazza Rembrandtplein ci sono il Museum Willet-Holthuysen, il Tassenmuseum dedicato alla storia delle borse, il museo di fotografia Foam, il museo Geelvinck Hinlopen Huis e il Museum van Loon, mentre sul ponte tra Reguliersgracht e Herengracht si ha la vista dei sette ponti. Il Bloemenmarkt, il noto mercato dei fiori, si trova sul canale Singel, tra Muntplein e Koningsplein, ed è il posto migliore dove comprare i fiori e souvenir da portare a casa. Spostandoci invece a est del Rembrandt Plein ci si imbatte nel fiume Amstel, sulle cui sponde padroneggia il grande museo d’arte Hermitage. Non lontano, verso il Waterloo Plein ci sono il Museo ebraico, il teatro Het Muziektheatre, la Sinagoga Portoghese e la casa del noto pittore olandese Rembrandthuis (con audioguida in italiano gratuita).

   
   

Museumkwartier e dintorni: Il Rijksmuseum è in ristrutturazione, e nonostante sia il più grande museo dei Paesi Bassi abbiamo potuto visitare solo 14 sale. Per fortuna era possibile ammirare almeno il famoso quadro di Rembrandt La ronda di notte. Sul retro del museo, nella piazza Museumplein ci sono la famosa scritta slogan della città I amsterdam e il Van Gogh Museum. Il museo dedicato al famosissimo pittore propone un intero piano con le sue opere, un altro piano dedicato alla ristrutturazione dei suoi lavori e l’ultimo piano arricchito con i quadri dei pittori che lui stesso ammirava. Attaccato al museo di Van Gogh c’è il più moderno Stedelijk Museum che però abbiamo trovato chiuso (la riapertura è prevista nel 2012). Di fronte all’entrata del Van Gogh Museum c’è il piccolo ma brillante Diamant Museum con la storia e la spiegazione della lavorazione dei diamanti, nonché le riproduzioni delle varie corone reali. Nei pressi di Leidseplein ci sono la piccola piazza Max Euweplein che ospita una scacchiera gigante, l’Hard Rock Cafè e il Casinò, mentre a pochi passi si trova una minuscola e curiosa statua sull’albero. Sicuramente noterete anche il Vondelpark che con i suoi 45 ettari è il parco più grande della città. Spostandoci invece verso est  ci si imbatte nel regno della birra Heineken Experience (sulla Stadhouderskade), nel nuovo De Appel arts center e nel mercato di Albert Cuypstraat.
   
   

A est della stazione centrale c’è il colorato science centre NEMO. Il favoloso palazzo è opera dell’illustre architetto Renzo Piano e ospita il divertentissimo museo della scienza dedicato soprattutto ai bambini (ma pure i grandi rimangono affascinati e stupiti dalle meraviglie che si trovano all’interno). Di fronte al NEMO è ormeggiata la riproduzione di una nave olandese che fa parte del rinnovato museo marittimo Het Scheepvaartmuseum. Il percorso iniziale vi guiderà alla scoperta della storia della navigazione olandese, mentre nelle altre ale del museo sono esposti globi, quadri, oggetti e tutto ciò che ha fatto parte della storia marittima. A due passi noterete anche una piccola costruzione che è la sede del centro di architettura ARCAM.
     

Una cosa obbligatoria da fare ad Amsterdam è un tour in barca per i canali della città. La Blue Boat Company propone una crociera di 75 minuti che parte dal Max Euwe Plein e costa 13€. Durante il tour si vedono diversi monumenti della città e una guida (anche in italiano) raccontà un po’ di storia e curiosità di Amsterdam.

AMSTERDAM CITY CARD
I biglietti d’ingresso ai musei della città non sono molto economici e se avete intenzione di visitarne diversi vi consigliamo vivamente di acquistare la I Amsterdam City Card. Nella card sono inclusi: ingresso gratuito nella maggior parte dei musei della città (esclusa la casa di Anna Frank, il Rijksmuseum), il trasporto pubblico GVB gratuito, una mini crociera nei canali della città e sconti in vari negozi e attrazioni turistiche. Insieme alla card viene consegnata una guida con le mappe e informazioni su tutte le attrazioni turistiche incluse nell’offerta. Il costo della card è di 40€ per 24 ore, 50€ per 48 ore e 60€ per 72 ore. Per poter fare due conti vi indichiamo i prezzi d’ingresso nei principali musei: Van Gogh Museum 14€ (con la card si evita di fare la fila chilometrica), Hermitage 15€, Diamant Museum 7,50€, NEMO 12,50€, Rembrandthuis 10€, crociera 13€, biglietto orario del tram/bus 2,20€.
   

SHOPPING
Le due principali vie dello shopping (con negozi tipo H&M, Desigual, Camper, Zara, i magazzini V&D etc.) sono la Kalverstraat e la Leidsestraat. Le 9 stratijes (le 9 strade) invece sono dedicate più ai negozi specializzati (antiquariato, vintage, arte, libri etc.) e si trovano nel quartiere Jordan, tra i canali Herengracht e Prinsengracht e le vie Radsuisstraat e Leidestraat. I patiti dei centri commerciali saranno lieti di sapere che in piazza Dam ce ne sono ben due: il de Bijenkorf e il Magna Plaza, mentre nei pressi della casa di Rembrandt c’è un curioso Mercato delle pulci (e second hand), dove la roba è letteralmente buttata a terra.
   

Non potete tornare a casa senza aver prima visitato il mercato dei fiori Bloemenmarkt che si trova lungo il canale Singel tra Muntplein e Koningsplei. Il mercato è frequentato sia da turisti che dagli olandesi e offre una vasta selezioni di bulbi (non solo di tulipani), sementi vari, tulipani di legno e altri souvenir, mentre se siete interessati ad altro tipo di semi il negozio più adatto è il Sensi Seeds e ha sede nel RedLight District. Sempre nel quartiere a luci rosse non poteva mancare un negozio specializzato in preservativi, la Condomerie, le cui vetrine colorate attirano l’attenzione dei turisti.

In diverse zone del centro noterete i negozi Henri Willig. Nel regno dei formaggi se ne possono assaggiare e acquistare di svariati tipi: alla mostarda, alle noci, al pesto, al pepe, al cumino, alle erbe, affumicati, edam etc. A voi la scelta!

   

DOVE MANGIARE
Wok to Walk questo take away orientale è il nostro locale preferito e si trova in Kolksteeg 8, Leidsestraat 96, Reguliersbreestraat 45 e Warmoesstraat 85. I locali sono piccoli e hanno pochi posti a sedere, ma in ogni modo si riesce sempre a trovare un posto libero. Nelle ore di punta c’è un po’ di fila ma il servizio è veloce. Il menu è formato da tre parti: si sceglie prima il tipo di spaghetti (di grano, di riso o all’uovo), poi si aggiunge il contenuto (pollo, gamberetti, funghi, ananas etc.) e infine si sceglie la salsa.

Restaurant De Keuken van 1870 La cucina olandese non può certo vantare di essere tra le migliori al mondo, ma se volete assaggiare qualcosa di tipico allora questo è il ristorante giusto. Essendo un luogo frequentato dalla gente del posto non c’è un menu in inglese, ma i camerieri vi aiuteranno a scegliere. Noi abbiamo provato il menù del giorno che costa sui 10€ (una zuppa, un secondo e un dolce), ma non ne siamo rimasti granché stupiti. Il ristorante si trova in Spuistraat 4.

Bagels & Beans si trova in diverse zone della città tra cui Keizersgracht 504, Raadhuisstraat 18, Van Hallstraat 613, Van Baerlestraat 40, Veemkade 368, Waterlooplein 2. Vi abbiamo mangiato diverse volte, soprattutto a pranzo e consigliamo di provare il the di menta fresca e i bagels con le tapas (ovvero dei piccoli panini con il buco accompagnati da un assaggio di hummus, patè di olive, pomodori sott’olio, guacamole, salsa al tonno etc.)

   

FEBO la sua particolarità sono i distributori di crocchette. Sì, avete capito bene. Oltre alle pietanze da ordinare al banco, è possibile acquistare delle calde crocchette di giornata anche al distributore automatico. Le crocchette sono ideali soprattutto per uno spuntino veloce. FEBO si trova in diverse zone della città tra cui Leidsestraat 94, Reguliersbreestraat 38, Damrak 6, Oudezijds Voorburgwal 33 e Nieuwendk 220.

Maoz questi piccoli fast food servono cibo vegetariano e si trovano in Muntplein 1, Leidsestraat 85, Van Woustraat 15, Damrak 40 e Ferdinandbolstraat 67.

Albert Cupymarkt il mercato del quartiere De Pijp è aperto dal lunedì al sabato. Nei vari chioschi abbiamo assaggiato degli ottimi spiedini di pollo, le famose Vlaamse frites (patatine fritte) e le squisite poffertjes minipancakes ricoperte di zucchero a velo.

B&B Lunchrooms un ottimo posto dove prendere la colazione. I muffin al cioccolato sono una prelibatezza e si possono prendere anche per asporto. I locali si trovano in Max Euweplein 60, Leidsestraat 44 e Rokin 100.

Pancakes! ottime pancakes dolci e salate. Berenstraat 38, aperto dalle 10 alle 19 (d’inverno chiuso il martedì).

   

DOVE DORMIRE
Conscious Hotel Museum Square è un hotel attento all’ecologia e si trova a due passi dal Museo di Van Gog e dal Vondelpark. Di fronte all’hotel ferma il tram 16 che passa per il centro e fa capolinea alla stazione centrale. Per una camera matrimoniale per 5 notti senza colazione abbiamo pagato 390€. La stanza era spaziosa, pulita, comoda e lo stesso vale per il bagno con doccia. La cassaforte in camera e la rete wi-fi sono gratuite.

LINK UTILI
Ufficio Turistico di Amsterdam
Ente del Turismo Olandese
Amsterdam su Time Out (in inglese)
Amsterdam su Lonely Planet
Amsterdam su DK Travel (in inglese)
Amsterdam In Your Pocket (in inglese)
Lingue online risorse gratuite per imparare l’olandese
10 Travel apps le migliori applicazioni su Amsterdam per iPhone e Android

Altre tappe del viaggio: Lussemburgo e Bruxelles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: